Home

Dopo Marx e Clastres, oltre il presente,
verso la società dell’eguaglianza
di
Davide Rossi

1
La ragione descartiana vince l’oscurantismo clericale, ma pone la storia in una traiettoria progressiva e in qualche modo razzistica, che prevede il passaggio dalle società “primitive” alle società “progredite”. Per altro, se questo è stato in parte un errore anche del marxismo, è soprattutto il liberalismo, in particolare quello di orientamento liberista, a riconoscere nel consumismo il presunto benessere che supera l’epoca della presunta arretratezza e miseria. Oggi sappiamo bene che esistono civiltà differenti e contemporanee, nessuna superiore o inferiore, tutte tra loro differenti e meritevoli di rispetto.
Esistono società prive dello stato, di una organizzazione statuale, di gerarchie o di potere, sono le società amerindie e di qualche altra rara parte del mondo. Non sono società “primitive” o “di sussistenza”, sono società fondate sulla necessità d’uso degli oggetti, nessuno pratica l’accumulazione dei prodotti e dei beni della terra, sono condivisi. Tuttavia la loro eguaglianza si fonda su una dinamica relazionale intertribale bellicosa che è stata storicamente una delle ragioni del loro superamento nel resto del mondo. Per altro Clastres chiarisce anche che l’aggressività e la violenza sono “un fatto irriducibile, un dato naturale, che affonda le proprie radici nell’essere biologico dell’uomo”. A prezzo di una riduzione di libertà e di una divisione sociale tra comandanti e comandati, l’umanità ha generalmente accettato la pace sociale garantita dall’autorità, la quale è molto presto deteriorata dentro le brame della proprietà, vera disgrazia storica che altera ogni relazione umana. Il grande antropologo Pierre Clastres, di orientamento libertario, ha chiarito con i suoi studi che “non esiste il sociale senza il politico, in altre parole non vi sono società senza potere”, tuttavia ci spiega in forma documentata come siano possibili società senza potere politico coercitivo, in cui le istituzioni politiche sono assenti perché la convivenza si basa sul rispetto reciproco e sull’uguaglianza, anche se mai di genere, perché anche in questo caso le donne sono soggetto sociale, ma anche oggetto sociale di scambio tra le tribù. Poiché il potere è coercitivo per sua prassi, prima ancora che per sua definizione, Clastres riconosce una “filosofia politica selvaggia anti-statalista”, fondata sul dettato: “tu non vali più di un altro, tu non vali meno di un altro”. Commentandolo Marchionatti osserva: “La legge primitiva è un divieto di diseguaglianza. … La filosofia politica anti-statalista è parte del sapere dei selvaggi, esso si costituisce attraverso le forme del mito, modo di espressione del pensiero selvaggio, e si trasmette attraverso i canti di capi (senza potere) e degli sciamani e attraverso i riti”. I capi sono tali solo perché, accettando di mantenere e far lavorare più donne, assumono un ruolo di rappresentanza della comunità nei confronti delle altre tribù e assolvono all’obbligo di fornire donne e cibo, prodotto con un lavoro straordinario che oltrepassa le quattro o cinque ore in cui tutti i membri della comunità ogni giorno si impegnano per garantire il cibo, con la caccia e la raccolta dei frutti spontanei. In tali comunità umane gli altri componenti della società non sono dei sottoposti in debito col capo, ma al contrario è il capo ad essere in pesante debito con il resto della comunità, con la quale è obbligato a dividere il di più che possiede. In tali contesti il capo è il possessore di un accumulo comunitario da ripartire, l’aver faticato più degli altri a produrlo lo autorizza semplicemente ad assumere un ruolo di rappresentanza della comunità, ruolo che è obbligato ad assolvere riportando le decisioni collettive, nelle quali la sua opinione ha lo stesso peso di quelle di tutti gli altri membri, senza alcuna preponderanza particolare.
Violare l’uguaglianza ancestrale sarebbe una trasgressione verso il tempo mitico pre-umano, vorrebbe dire introdurre una stratificazione sociale che origina diseguaglianza e altera la dinamica del dono, quale scambio rituale/sociale che mantiene l’equilibrio, perché anche se qualcuno riceve molti doni, non li può tenere privatisticamente, ma li deve condividere con la comunità. Ancora Marchionatti: “l’obbligo di generosità contiene in sé un principio egualitario. Quando i capi sono in debito con la società, là siamo in presenza di una società indivisa, quando la società è in debito coi capi, si è ormai prodotta la scissione tra dominanti e dominati.”
Ovvero la collettività viene soffocata dal prevalere dell’individuo. Tuttavia già le società antiche, di cui quelle amerindie nostre contemporanee sono una sopravvivenza, nel momento in cui si allargavano territorialmente e demograficamente, necessitavano di vivere non solo della caccia e della raccolta dei frutti spontanei, ma anche del saccheggio di altre comunità umane, la guerra non più come elemento di equilibrio tra le comunità, ma come elemento di predominio di una sulle altre, come origine, concreta e devastante, della proprietà. La fine della micro – bellicosità rituale coi viciniori, generata dal desiderio di non più guerreggiare, genera il potere di coloro che decidono quando dichiarare guerre ben più sanguinarie e ben più redditizie dal punto di vista del bottino. Nasce la società diseguale, violenta e proprietaria, eppure tanto forte da non essere reversibile. Come sappiamo la stanzialità, l’allevamento e infine la coltivazione arricchiscono e variano l’alimentazione e permettono di sancire in forma definitiva il delimitare di una proprietà terriera che comprende anche l’esercizio di proprietà sugli animali che la compongono e sulle donne e gli uomini che vi vivono. La sete di potere, ovvero il desiderio di accrescere il dominio su animali, territori ed esseri umani porta alla strutturazione della famiglia, luogo fondamentale per esercitare la proprietà anti-egualitaria, quindi dello stato, il quale, quando si dilata oltre il ragionevole, necessita della creazione di due categorie molto precise che garantiscono l’esercizio del potere, quindi della proprietà, ovvero gli uomini armati che garantiscono il controllo dei sottoposti a vantaggio del padrone e i religiosi che attraverso le paure ancestrali della malattia e della morte ricattano moralmente le donne e gli uomini a vantaggio del potente.
Nella storia dell’umanità infatti la società diseguale ha rimpiazzato quella eguale, ma mai vi è stato un ritorno completo, assoluto, alla società precedente, a dimostrazione che i desideri tanto di esercitare un potere, quanto di esservi assoggettati, sono profondamente antropologici e precedenti alla loro determinazione storica. Vi è stata e vi è ancora l’esperienza socialista nelle sue due variabili, quella brevemente libertaria della Spagna del ’36 e quella ben più voluminosa di orientamento marxista, creativamente declinata in molte forme, dai Soviet leninisti, fino alla Cina denghista, passando per esperienze più piccole, statuali o locali, come la comune contadina comunista andalusa di Marinaleda, tutt’oggi viva e prospera.
Certo, gli anarchici come Clastres hanno buon gioco a definire sbagliata la teoria marxiana del movimento storico che determina un mutamento reale nella società, attraverso la tendenza inarrestabile delle forze produttive a svilupparsi, con essa la teoria leninista dello stato si è parimenti esaurita, per altro già contraddetta dalle scelte lungimiranti e volte a uno sviluppo economico, sociale e culturale armonioso e in sintonia coi sentimenti del popolo, espresso dal suo immediato successore. Tuttavia proprio l’esistenza di esperienze locali e statuali di carattere socialista nella contemporaneità determinano lo spazio per una società marxista, declinata secondo molteplici variabili creative. Soprattutto i marxisti occidentali sono chiamati a riconoscere quanto la ricchezza dell’Occidente sia stata costruita, a partire dal secondo dopoguerra, sullo sfruttamento energetico e alimentare del Sud del mondo. Questo certo non nega la verità e l’intensità delle lotte proletarie, tuttavia a partire dalla fine degli anni ’60 la classe lavoratrice occidentale viene in qualche modo cooptata dentro il sistema capitalistico – consumistico, barattando la visione di una trasformazione rivoluzionaria di tutto il mondo verso il comunismo, ovvero verso un’eguaglianza planetaria, con un benessere personale di ispirazione socialdemocratica che ne ha radicalmente modificato la stessa coscienza di classe, trasformando i lavoratori occidentali in una aristocrazia operaia sostanzialmente reazionaria, piegata al modello socialdemocratico europeo di inclusione subalterna della classe lavoratrice dentro un progetto neo-capitalistico e neo-keynesiano, per altro oggi del tutto impossibile e irrealistico.
L’esasperata esaltazione delle libertà individuali e civili è lo strumento con cui il capitale e la società borghese – consumista nascondono la violenza della diseguaglianza, di più, lo strumento attraverso cui possono mantenere la diseguaglianza nella società, con il consenso dei cittadini inconsapevolmente e felicemente diseguali. Tutto questo, sebbene questo sistema di esclusione sociale abbia come risultato non solo la marginalità, ma anche la frustrazione, la fame, la depressione sociale e personale.
Da tutto ciò emerge che la battaglia per l’eguaglianza diventa l’orizzonte politico, teorico e culturale dei marxisti del nuovo secolo.
Dentro il collasso epocale del sistema occidentale, quello catastrofico dell’eco-sistema, che rischia di pregiudicare in forma drammatica e definitiva l’esistenza dei mammiferi umani sulla terra, esiste una possibilità di salvezza, una spazio di reinvenzione per una convivenza condivisa e solidale.
Quello della società dell’eguaglianza.

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...